Hello darkness, my old friend.

Amo incondizionatamente i libri, la musica, i mirtilli, il cinema, i maglioni, le cose vintage, viaggiare, le foto, truccarsi, mangiare, non pensare,i morsi sul collo, dormire, i gatti, scrivere, il caffè, i ricordi che profumano, parlare, Arancia Meccanica, l'arte, le discussioni politiche di una volta, le discussioni, il teatro, la pioggia, i sentieri in montagna, i quadrifogli, la gentilezza, la lealtà, la fiducia, gli occhi scuri, l'anguria, trovare una via d'uscita, il sabato mattina, i mercati, le vecchie foto, gli abbracci, il tè, gli alberi, la birra, Johnny Depp, il mare d'inverno, i fiori secchi, i taccuini di carta riciclata, le macchine da scrivere, gli anfibi Dr. Martens, i cibi biologici, i porti, le margherite, il sax, le storie dei partigiani, i caffè parigini, la crema pasticcerà, stare abbracciati in silenzio i RayBan, le felpe, i mercati di fiori, il centro di Torino, la Mole Antonelliana, mia sorella, le trecce, fare la maglia, le candele, i pistacchi, l'Irlanda, gli amici, le conchiglie, le cene semplici, la pizza, l'incenso, i libri in inglese, Harry Potter, i treni, l'aria di montagna, la Guinness, i frutti di bosco, avere ragione, i Pink Floyd, il jazz, l'onestà, Picasso, Magritte, Dalì, il sonno, la menta, la liquirizia, i temporali estivi, la gente che sogna, andare a dormire tardi, dormire fino a tardi, ordinare i libri per autore, il pane, i balli irlandesi, i sogni erotici su Kurt Cobain, Kurt Cobain, gli sguardi, trovare le cose che cerchi, l'insalata, gli affreschi, camera mia e essere me stessa. Aurora, Italia, 17 inverni, eccomi qui.

(mi chiedo spesso cosa io ci faccia tra alcune persone. persone che non deludono nessuno, ad esempio. persone che hanno l’articolo sulla stampa e cose simili. persone che non sono delle fottute inette come me, cazzo. ecco.

questo.

solo questo.)


The Rocky Horror Picture Show (1975)

The Rocky Horror Picture Show (1975)

(Fonte: vintagegal, via vintagegal)

tarkowski:

Jean Dujardin in The Monuments Men

tarkowski:

Jean Dujardin in The Monuments Men

"Siamo tutti impegnati per una lotta per la sopravvivenza ora. Non ci sono più gli stimolanti degli anni 60. E’ stata questa la falla fatale nel viaggio di Tim Leary: ha bombardato l’America vendendo la sua espansione di coscienza senza mai pensare alla realtà macabra e rapace che stava in attesa di tutti quelli che lo prendevano sul serio. Quei consumatori di acido patetici e appassionati che pensavano di comprarsi pace e comprensione a 3 dollari la botta. Ma la loro sconfitta e i loro fallimenti sono anche i nostri. Ciò che Leary si è portato via con sé è l’illusione di un intero stile di vita che lui stesso aveva contribuito a creare: una generazione di storpi permanenti, ricercatori falliti, che non ha mai capito la vecchia essenziale falsità mistica della cultura dell’acido, la disperata supposizione che qualcuno, o almeno qualche forza, custodisse la luce alla fine del tunnel. 
C’era una sola strada per tornare a Los Angeles: l’interstatale 15. Solo una bruciatura piatta ad alta velocità tra Becker, Barstow e Berdou, poi la superstrada per Hollywood, dritta verso il frenetico oblio. Sicurezza, oscurità. Solo un altro sballato in un mondo di sballati”
aw, Jack Frusciante è uscito dal gruppo.
1001arabianights:

Philomena ( 2013 )

1001arabianights:

Philomena ( 2013 )

(Fonte: sweeti0e)